Trovare domini liberi

Il primo passo che si deve compiere quando si vuole realizzare un sito web è analizzare e trovare i domini liberi che ci possono interessare. La scelta del nome a dominio, del resto, è fondamentale per la costruzione di un sito web di successo.

Di seguito trovate uno strumento in grado di trovare i domini internet liberi sul web.

Procedura consigliata: pensare ai nomi di domini che ci possono interessare, pensare al tipo o ai tipi di estensioni (.it, .com, .org ecc) che fanno al caso nostro, effettuare la ricerca e vedere se sono liberi, procedere con la registrazione.

VERIFICA SE UN DOMINIO E’ LIBERO

Digita il nome del dominio che vuoi verificare completo di estensione ( es: www.nomedominio.it)

Se il dominio che hai cercato risulta libero lo puoi registrare immediatamente con Bsnewline:

Consulta il listino DOMINI

Cos’è il file robots.txt?

I files robot (chiamati anche  bot o crawler) permettono di indicizzare tutti i files ai quali possono accedere.

Da questo punto si  sollevano due problemi:

1)I files bot possono indicizzare dati sensibili e renderne più semplice l’accesso al pubblico

2)Maggiori sono i files bot processati, e maggiore sarà il carico causato al server.

Fortunatamente c’è un aspetto positivo: esiste  un modo per controllare il crawler, cioè il file robots.txt.

Il file robots.txt contiene le istruzioni per la ricerca robot, ma deve essere posizionato nella directory principale (root) di un dominio.

Creare il file è semplice come creare un normale file .txt.

Potete usare il vostro editor di testo preferito e caricarlo sul server, potete crearlo utilizzando il File Manager cPanel o con gli  strumenti console  nel caso in cui abbiate l’ accesso shell abilitato.

Anche se non si intende creare regole per non consentire l’accesso completo agli indicizzatori, è comunque consigliato per creare un file robots.txt vuoto.

Cosa vuol dire TTL?

Le informazioni DNS devono essere aggiornate regolarmente poiché non sono statiche e cambiano continuamente a causa delle scadenze dei nomi a dominio, della migrazione dei server o di modifiche di indirizzi IP.
Per questo, viene utilizzato il cosiddetto time-to-live o in breve, TTL.

TTL è il valore di quanto tempo le informazioni DNS dovrebbero rimanere memorizzate da un nodo di rete.

È impostato dall’amministratore di sistema del nodo in questione e varia notevolmente da un membro della rete ad un altro.

Possono essere secondi, minuti, o anche giorni, ma, per risparmiare spazio di memoria e cache , da una regola non ufficiale, di solito è circa 24 ore per i nuovi domini e mai più di 72 ore per i domini già esistenti.

Anche il browser dell’utente finale memorizza le informazioni DNS dopo il suo primo look-up di un sito web.ok-up di un sito web.

A cosa serve il DNS?

Il DNS, Domain Name System, serve per associare gli indirizzi IP numerici con nomi a dominio leggibili e facilmente comprensibili. In pratica il DNS è costituito da una complessa gerarchia di cosiddetti Nameserver che tengono traccia di quali indirizzi IP sono associati a quali nomi a dominio.

Per capire meglio a cosa serve un DNS, è importanto fare un esempio pratico: quando l’utente finale entra in una URL nella finestra del suo browser, il browser invia una richiesta al nameserver corrispondente, il quale risponde con l’ indirizzo IP del nome a dominio digitato.

Andando più nel dettaglio su cos’è un DNS e a cosa serve, bisogna dire che è impossibile che l’utente finale al PC ricordi tutti i nameserver per ogni pagina web. Così, per cercare il name server autorevole per la pagina web che deve essere aperta, il web-browser interroga prima il server root DNS. I server root forniscono l’indirizzo IP ed in seguito il browser può interrogare il nameserver direttamente.

Al fine di non inviare decine di domande da e per l’apertura di un sito web unico, le informazioni DNS sono memorizzate da provider ISP.ok-up di un sito web.

Listino Prezzi Domini Internet

Nel momento in cui si decide di investire nel web è certamente importante valutare quanto costa un dominio internet, ogni quanto va pagato e come variano i prezzi a seconda dei domini scelti.

Come si evince dal nostro listino, i costi per un dominio internet sono assolutamente abbordali. Per comprare un dominio web, infatti, è necessaria una spesa minima che per molti però può trasformarsi davvero in un investimento azzeccato.

La proprietà di un dominio ha la durata minima di un anno. E’ possibile acquistare un dominio per più anni, in questo caso ovviamente il costo del dominio andrà moltiplicato per il numero di anni per i quali si intende acquistarlo.

Il costo di un dominio internet varia a secondo della tipologia e della quantità di estensioni che si intende acquistare (.it, .com, .eu, .org ecc). Il prezzo dei domini internet, infatti, è determinato dal tipo di suffisso prescelto: tra i domini web più economici, ovviamente, ci sono i domini .it, i domini .com e i domini .net.

Al momento della registrazione di un dominio, possiamo scegliere di comprare più estensioni per evitare che qualcun altro decida di acquistare un dominio con lo stesso nome ma con un’altra estensione. Il costo aumenta, quindi, ma si è più tutelati per il futuro.

I prezzi dei domini che vi proponiamo di seguito sono da considerarsi annuali e comprensivi dell’iva

 SUFFISSO COSTO
.IT € 12.20
.COM € 14.64
.NET € 18.30
.ORG € 19.52
.CO.UK € 14.64
.FM € 146.40
.CC € 21.96
.MOBI € 24.40
.TV € 46.36
.INFO € 18.30
.BIZ € 20.74
.EU € 14.64

Guide Pec

Guide di configurazione della posta elettronica

Il presente articolo mostra i parametri da utilizzare per la configurazione di un qualunque client di posta con le caselle PEC Aruba. Nel dettaglio:

  • POP3: Permette di trasferire i messaggi dal server di posta al proprio PC. La configurazione di default cancella i messaggi dal server;
  • IMAP: Consente di gestire i messaggi mantenendoli sul server fino a quando non si decide di eliminarli.

Per la configurazione standard puoi utilizzare i seguenti parametri:

Server pop3 : pop3s.pec.aruba.it (connessione ssl; porta 995)
Server smtp: smtps.pec.aruba.it* (connessione ssl; porta 465)
Nome Account: indirizzo e-mail completo (es. info@pec.nomedominio.xxx o nomecasella@xxx.it)

Parametri di configurazione per le caselle PEC
POP3 IMAP
IMPOSTAZIONI ACCOUNT
Nome Completo: Mario Rossi
Indirizzo Email: indirizzo di posta certificata (es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Tipo di Protocollo: POP3IMPOSTAZIONI SERVER DI POSTA IN ARRIVO
Posta in Arrivo (POP3): pop3s.pec.aruba.it
Nome account: indirizzo di posta certificata (es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Password: la password assegnata alla casella
Usa SSL: Attiva
Autenticazione: Password
Porta del server di posta in entrata (POP3): 995
Host del server di posta in entrata: pop3s.pec.aruba.itIMPOSTAZIONI SERVER DI POSTA IN USCITA
Nome Completo: Mario Rossi
Indirizzo Email: indirizzo di posta certificata (es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Porta del server di posta in uscita (SMTP): 465
Host del servere di posta in uscita: smtps.pec.aruba.it
IMPOSTAZIONI ACCOUNT
Nome Completo: Mario Rossi
Indirizzo Email: indirizzo di posta certificata (es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Tipo di Protocollo: IMAPIMPOSTAZIONI SERVER DI POSTA IN ARRIVO
Posta in Arrivo (IMAP): imaps.pec.aruba.it
Nome account: indirizzo di posta certificata es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Password: la password assegnata alla casella
Usa SSL: Attiva
Autenticazione: Password
Porta del server di posta in entrata (IMAP): 993
Host del server di posta in entrata: imaps.pec.aruba.itIMPOSTAZIONI SERVER DI POSTA IN USCITA
Nome Completo: Mario Rossi
Indirizzo Email: indirizzo di posta certificata (es: @italiapostapec.it, @pec.it, @gigapec.it, @casellapec.com)
Porta del server di posta in uscita (SMTP): 465
Host del server di posta in uscita: smtps.pec.aruba.it

 

 Microsoft Outlook 2013

Configurazione IMAP del Client di Posta Outlook 2013 con un Account PEC
Configurazione del Client di Posta Outlook 2013 con un Account PEC

 

Outlook Express

Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Backup di un messaggio
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

 

Outlook 2003

Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Backup di un messaggio
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

 

Outlook 2007

Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Backup di un messaggio
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

 

Outlook 2010

Autoconfigurazione per caselle singole
Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

 

Mozilla Thunderbird

Autoconfigurazione per caselle singole
Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

 

Evolution Mail

Configurazione IMAP di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella legata al domini

Mac Mail

Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Backup di un messaggio
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

Outlook 2011 for Mac

Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

Windows Live Mail 2012

Configurazione POP3 di una casella PEC
Come inviare un messaggio di posta
Come ricevere un messaggio di posta
Backup di un messaggio
Invio a casella NON certificata
Configurazione di una casella IMAP

App Mail Windows 2010

Configurazione di una casella POP3 su App Mail Windows 2010
Configurazione di una casella IMAP su App Mail Windows 2010

 

Outlook 2013

Configurazione di una casella POP3 su Outlook 2013
Configurazione di una casella IMAP su Outlook 2013

Outlook 2016

Configurazione di una casella POP3 su Outlook 2016
Configurazione di una casella IMAP su Outlook 2016

Zimbra

Configurazione di una casella POP3 su Zimbra
Configurazione di una casella IMAP su Zimbra

 

App Mail per Windows 8

Configurazione IMAP di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella legata al dominio

 

DISPOSITIVI MOBILI

iPhone/iPad con sistema operativo IOS 4/5/6

Configurazione POP3 di una casella PEC
Configurazione POP3 di una casella PEC legata al dominio
Configurazione IMAP di una casella legata al dominio

 

iPhone/iPad con sistema operativo IOS 4/5/6

Configurazione POP3 di una casella PEC
Configurazione POP3 di una casella legata al dominio
Configurazione IMAP di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella legata al dominio

 

versione Android 4.1.x

Configurazione POP3 di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella legata al dominio

versione Android 4.2.2

Configurazione POP3 di una casella PEC
Configurazione IMAP di una casella PEC

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!